Enologi

Marco Di Ruscio                                

Data di nascita: 13/03/1987
Luogo di nascita: FERMO (ASCOLI PICENO)
Recapito: VIA VALDASO 49, 63828 CAMPOFILONE (FM)
Cittadinanza: Italiana
Sesso: maschile

Istruzione superiore:

Diploma conseguito presso l’istituto tecnico agrario statale “Celso Ulpiani” specializzato per la viticoltura l’enologia e la difesa della vite di Ascoli Piceno.

Diplomato nel 2007 come perito agrario specializzato in viticoltura enologia e difesa della vite con votazione di 93/100. Titolo della tesina: PROPOSTA PER LA CARATTERIZZAZIONE DI UN NUOVO VINO: IL CHIARETTO DI MONTEFIORE

 

Istruzione universitaria

Laurea conseguita presso l’università di Perugia nella facoltà di agraria.

Laureato nel 2011 come dottore in viticoltura ed enologia con votazione di 110/110 con lode. Titolo della Tesi: AZOTO PRONTAMENTE ASSIMILABILE DAI LIEVITI NEL MOSTO: IMPORTANZA TECNICA E FATTORI CRITICI.
Tipo di Tesi: SPERIMENTALE.

 

Tirocinio

Nel 2006 presso la cantina Garofoli di Castelfidardo

Nel 2010 presso l’azienda agraria Carlo e Marco Carini di Perugia

 

Esperienza lavorativa

Nel 2007 presso una azienda del sud della Francia (Narbonne)

 

Esperienza scolastica

Ho partecipato classificandomi come 4° nel 2007 all’European Wine Championschip in rappresentanza dell’istituto tecnico agrario. Il concorso si è svolto a Murcia in Spagna.

 

Mario Di Ruscio                                  

Data di nascita: 10/08/1953
Luogo di nascita: CAMPOFILONE (FERMO)
Recapito: VIA VALDASO 49, 63828 CAMPOFILONE (FM)
Cittadinanza: Italiana
Sesso: maschile

Istruzione superiore:

Ha frequentato l’istituto tecnico agrario statale “Celso Ulpiani” nella specializzazione per la viticoltura l’enologia e la difesa della vite di Ascoli Piceno.

 

Diplomato come perito agrario specializzato in viticoltura enologia, nel 1998 gli é stato riconosciuto dal Ministero per le Politiche Agricole il titolo di Enologo per il suo titolo superiore e l’esperienza maturata in Cantina.

Mario Di ruscio riceve il premio Cangrande Vinitaly

Premiato nel 2014 con la Medaglia Cangrande per “Benemeriti della vitivinicoltura 

italiana”
Per aver recato un determinante contributo allo sviluppo della viticoltura e alla valorizzazione dell’enologia italiana